Chiesa e Comunicazione

 vatican-va-ok

editrice-vatic

radio-vaticana

cei

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con id: 46
Mercoledì, 25 Settembre 2013 10:30

Documenti. Assemblea Plenaria del PCCS 2013

 

Discurso del Santo Padre Francisco a los participantes en la Asamblea Plenaria del Consejo Pontificio para las Comunicaciones Sociales 

Discorso del Santo Padre Francesco ai partecipanti all’Assemblea Plenaria del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali

Saluto al Santo Padre Francesco di Mons. Celli in occasione dell’ Assemblea Plenaria del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni
Saluto al Santo Padre Francesco di S. E. Mons. Claudio M. Celli (21 settembre 2013) Padre Santo, grazie per averci accolti a conclusione dei lavori della nostra Plenaria e per quanto ci vorrà dire. Le confermo, Padre Santo, come ho già potuto dirLe nei diversi incontri avuti con Lei, che la sua parola semplice e chiara traccerà le vie del nostro operare per essere sempre più, anche nel mondo dei media, una Chiesa che cammina con l'uomo. Una Chiesa, come Lei ebbe a dire ai Vescovi del Brasile, che "genera, allatta, fa crescere, corregge, alimenta, conduce per mano" ed è sempre accanto…

 

 

Saluto iniziale di Mons. Celli nell'Assemblea Plenaria del PCCS

 

Saluto iniziale di Mons. Celli nell'Assemblea Plenaria del PCCS
Saluto di S. E. Mons. Claudio M. Celli nella apertura dell'Assemblea Plenaria  19 settembre 2013 Eminenze, Eccellenze, Reverendi Monsignori e Padri, Religiose, cari amici,è con viva cordialità che do a tutti loro un fervido benvenuto. Questa Assemblea Plenaria si realizza dopo quasi due anni dall'ultimo nostro incontro e sono contento che anche in questa occasione avremo modo di prendere coscienza di alcuni aspetti e delle varie attività di questo Dicastero e soprattutto di guardare al futuro per programmare una certa azione, cercando di compiere al meglio la missione affidataci dal Santo Padre. Desidero dare un particolare benvenuto agli Em.mi Cardinali…

 

 

Attività del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali (Aprile 2011 – Settembre 2013)

Attività del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali (Aprile 2011 – Settembre 2013)
Presentiamo l'attività del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali (Aprile 2011 – Settembre 2013) ilustrate dall' Eccmo. Arcivescovo Mons. Claudio Maria Celli, Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali alla Assemblea Plenaria 2013 MESSAGGI PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI 46ª GIORNATA – Anno 2012"Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione." Ogni anno, come di consuetudine, con il suo Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, il Papa cerca di analizzare la cultura della comunicazione per offrire suggestioni all'uomo di oggi e orientare l'azione pastorale della Chiesa. Negli ultimi anni, Benedetto XVI è stato particolarmente attento ai processi e alle…

 

Susana Nuin: Una mirada sobre la Comunicación en América Latina

 

Susana Nuin: Una mirada sobre la Comunicación en América Latina
Intervención de la Dra. Susana Nuin, Secretaria Ejecutiva del Dpto. de Comunicación del CELAM, en la Asamblea Plenaria del Pontificio Consejo para las Comunicaciones Sociales   IntroducciónEn el presente informe deseamos dar un flash sobre la Comunicación en América Latina, es amplio el panorama, por lo cual tomaré como medida de referencia el Consejo Episcopal Latinoamericano CELAM, dado que esta institución tiene una trayectoria de casi 57 años, y nos permite tener un parámetro de tiempo para nuestra presentación. Una primera señal: que indica el sentir y vivir Latinoamericano¿Qué es el CELAM? Muchos de Uds. conocen este organismo Latinoamericano, conformado…Leer más ...

 

Archbishop Mark Benedict Coleridge: Social Communications in Oceania

Archbishop Mark Benedict Coleridge: Social Communications in Oceania
Social Communications in Oceania by Archbishop Mark Benedict Coleridge Oceania is a mythic continent held together only by water. In a sense, therefore, I speak from and about a place that does not exist except in the geopolitical imagination, usually of those who live far away. It is a part of the world where there a great discrepancies. You have Australia and New Zealand – rich, politically stable, peaceful, secularized and thoroughly Western. Then there are the many island nations from Papua New Guinea to Tahiti – all poor, politically unstable (indeed chaotic), often troubled by violence, their traditional ways of…

La Chiesa e la Rete. Che cosa significa vivere in Rete? Intervento del P. Spadaro nella Assemblea Plenaria del PCCS

La Chiesa e la Rete. Che cosa significa vivere in Rete? Intervento del P. Spadaro nella Assemblea Plenaria del PCCS
La Chiesa e la Rete. Che cosa significa vivere in Rete? Antonio Spadaro S.J. La vera domanda, l'unica sulla quale è necessario davvero interrogarsi: Internet sta cambiando il nostro modo di pensare?Se la Rete cambia il nostro modo di pensare, e la teologia è intellectus fidei, cioè il «pensare la fede», la domanda è immediata: internet sta cambiando il nostro modo di pensare la fede? Sta cambiando – tra l'altro – il nostro modo di pensare e vivere il mistero e l'esperienza della Chiesa? La Gaudium et spes aveva parlato di un preciso impatto delle tecnologie sul modus cogitandi dell'uomo…

"La Iglesia en la Encrucijada: ¿Cómo vivir en red?". Intervención de la Dra. Soberón en la Asamblea Plenaria

"La Iglesia en la Encrucijada:¿Cómo vivir en red?". Intervención de la Dra. Soberón en la Asamblea Plenaria
Asamblea Plenaria del Pontificio Consejo para las Comunicaciones Sociales 19-21 de septiembre 2013LA IGLESIA EN LA ENCRUCIJADA: ¿CÓMO VIVIR EN RED?Dra. Leticia Soberón Mainero I. Identidad y carisma La Iglesia, pueblo de Dios, es un misterio de comunión. Está formada por personas que peregrinan con la guía de sus Pastores, unidos con Pedro. Siendo diversos, todos "somos uno" en Cristo, vivimos y actuamos como su cuerpo vivo -vivificado por el Espíritu Santo- en la sociedad de cada momento histórico.Hoy, a pesar de la potencia y novedad de ese misterio, la Iglesia en su conjunto tiene algunos problemas para acompañar a…

Leer más

"Catholic Communication. Church Media Work in Europe Common Challenges" by Paul Wuthe

"Catholic Communication. Church Media Work in Europe Common Challenges" by Paul Wuthe
An Introduction: The term "Catholic Communication" is much more than „church media work." It includes all communicative processes in shaping the public opinion by Catholic. This may be for example a classic letter to the editor of a newspaper, a successful interview with an authentic witness or a private Internet blog about faith. In the following I would like to focus on media relations on behalf of the church. But even with this limitation, it is almost impossible to give an overview of the church media work in Europe in 10 minutes. Let me just mention four aspects to understand…
Sr. Dominica Dipio: The Communication Needs of the Catholic Church in Africa
 Introduction Communication is the heart of the Church. Christ and his lived experience, characterised by mobility was a vibrant, multifaceted communication in itself. He was always on the move, reaching out on foot, on camel back and by boat. In our times, modern communication technology, including social media should enhance the Church's evangelisation ministry. In Her reference to the media, the Church carefully foregrounds the adjective social communication to emphasize how She positions herself in the world of the media. As expressed by Pope John Paul II's Apostolic Exhortation, Ecclesia in Africa, we now proclaim the Gospel in our mass-media-saturated…
The current state of Catholic media in North America by Greg Erlandson
Talk to the Plenary of the PCCS19/9/13Greg Erlandson Thank you for this opportunity to share my assessment of the current state of Catholic media in North America. While my primary experience is in the United States, I believe that at least some of my observations are applicable to Canada as well. Catholic newspapers were originally launched in the United States with two important purposes. The first was to defend the Church from hostility and misunderstanding in an overwhelmingly Protestant and unsympathetic culture. Subsequent waves of Catholic immigrants – from Germany, Italy, Ireland and Poland – were often greeted with suspicion…

Les nouvelles technologies doivent aider à porter Jésus au monde

Les nouvelles technologies doivent aider à porter Jésus au monde
(Radio Vatican) - Le pape François a souligné ce samedi l'importance de la communication pour l'Eglise, tout en précisant que la question fondamentale n'est pas tant l'acquisition de technologies sophistiquées, mais la capacité d'utiliser les nouveaux médias pour porter Jésus au monde. Le Saint-Père recevait en audience les membres du Conseil pontifical pour les communications sociales qui achevaient leur assemblée plénière de trois jours au Vatican. Pour le pape François, l'Eglise doit savoir dialoguer avec les hommes et les femmes de son temps, pour comprendre leurs attentes, d'autant que certains sont déçus du christianisme et de sa manière de communiquer…
Card. Patriarche Béchara RAI: Panorama des diverses réalités communicatives au Moyen Orient
Panorama des diverses réalités communicatives au Moyen Orient(Card. Patriarche Béchara Boutros RAI) 1. En ce temps où le Moyen-Orient est déchiré par les divisions et les conflits politico-confessionnels au sein de la famille musulmane entre Sunnites et Chiites, comme entre modérés et intégristes, les Eglises locales sont plus que jamais conscientes de leur rôle apostolique, qui est celui de promouvoir la communion et le témoignage, et de servir la nouvelle évangélisation. Elles font recours entre autres aux différents moyens de communication sociale traditionnels et électroniques. Il s'agit de la presse, radio, télévision, ainsi que de l'Internet avec ses différents moyens et…
 

VIDEO CLIPS

 

Video dell'Udienza del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali con el Papa Francesco

 

La foi est communication : Mgr Stanislas Lalanne situe les enjeux de l'assemblée plénière du Conseil Pontifical des Communications Sociales (Français)

Commento del Cardinale Béchara Raï sui lavori dell'Assemblea Plenaria del PCCS (italiano)

Sister Dominica Dipio, O.P from Uganda gives her reflexion after the Plenary (English)

Comunicação: Essencial na vida da Igreja (Português )

Commento di Jesús Colina sui lavori dell'Assemblea Plenaria del PCCS (italiano)

Padre Franco Lever SDB commenta i lavori dell'Assemblea Plenaria PCCS (italiano)


 


 

 INTERVISTE - INTERVIEW

Social Communications plenary: creating a culture of encounter

Social Communications plenary: creating a culture of encounter
(Vatican Radio) - The Pontifical Council for Social Communications opens its annual plenary assembly on Thursday morning with a focus on the priorities of Church communicating the Gospel through social networks. Members and consulters from around the world will be taking part in the three day meeting which is scheduled to conclude with a meeting with Pope Francis on Saturday morning. To find out more about assembly, Philippa Hitchen spoke with the president of the Pontifical Council, Archbishop Claudio Celli... Listen: 

Read more...

Pour accompagner l'homme à l'ère numérique
(L'Osservatore Romano) - A l'ère numérique, l'Eglise doit apprendre à « se mettre en marche avec tous » pour favoriser la rencontre de l'homme avec le Christ, en évitant la « tentation » de « manipuler les consciences ». C'est ce qu'a dit le Pape François aux participants à l'Assemblée plénière du Conseil pontifical pour les communications sociales, reçus en audience dans la matinée du samedi 21 septembre, dans la salle Clémentine. L'enjeu, pour le Pape, est celui de réussir à donner des réponses à l'« égarement » et à la « solitude » croissantes à l'époque de la mondialisation,…

En savoir plus... 

Le Conseil pontifical pour les communications sociales réfléchit à la présence de l'Église sur Internet

Le Conseil pontifical pour les communications sociales réfléchit à la présence de l'Église sur Internet
(Radio Vatican) - Les membres, consulteurs et employés du Conseil pontifical pour les communications sociales (PCCS) seront réunis au Vatican du 19 au 21 septembre en Assemblée Plénière. Une rencontre qui a pour objectif de s'interroger notamment sur le lien entre l'Église et Internet. Selon le secrétaire du dicastère Paul Tighe l'Église a besoin d'une nouvelle politique en terme de communication pour l'adapter à sa présence dans le monde digital. L'Assemblée s'ouvrira jeudi matin par un moment de prière. Puis cardinaux, évêques, religieux et laïcs venus de nombreux pays réfléchiront pendant 3 jours à diverses questions « Quelles devraient être…

En savoir plus...

Entrevista: "La Iglesia vive en la Red" afirma Mons. Celli

Entrevista: "La Iglesia vive en la Red" afirma Mons. Celli
Ciudad del Vaticano (Radio Vaticano)   Con motivo de la celebración de la Asamblea Plenaria del Pontificio Consejo de las Comunicaciones Sociales, que se realiza del 19 al 21 de septiembre en Roma, Xavier Sartre, compañero de Radio Vaticano entrevista a Mons. Claudio María Celli, presidente del dicasterio responsable y gestor de la cuenta Twitter del Papa, quien habla de la importancia de estas jornadas. "La Iglesia vive en la red y su desafío es ver cómo somos capaces de anunciar el Evangelio y a Jesucristo", explica Mons. Celli quien además asegura que se debe utilizar la presenica y el lenguaje…
Plenaria delle Comunicazioni Sociali su "La rete e la Chiesa": intervista con mons. Celli
(Radio Vaticana) - Si è aperta in Vaticano la Plenaria del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali sul tema "La rete e la Chiesa". Philippa Hitchen ha intervistato il presidente del dicastero, mons. Claudio Maria Celli:  R. – La plenaria si situa nell'attuale contesto della comunicazione e oggi la comunicazione si muove soprattutto all'interno di una rete. Certo che rimangono i tradizionali mezzi di comunicazione: vale a dire, la stampa, la radio, la televisione. Però, innegabilmente, le nuove tecnologie hanno dato adito a questa nuova realtà: vuol dire che oggi ormai centinaia di milioni di persone si muovono, abitano la rete. E…
 

The new Vatican media in Pope Francis' time

The new Vatican media in Pope Francis' time
(L'Osservatore Romano) “More than 9,300,000 followers and, thanks to retweets, at least 60,000 million people on their smartphones and tablets are reached by the Holy Father’s tweets”; as well as the “10,260,000 people every month who visit our pages in the various languages through the portal www.news.va via Facebook”. These are Pope Francis’ record statistics on social networks of the first six months of his pontificate; a media success of which “few other global leaders can boast”, is the opinion of Archbishop Claudio Maria Celli, president of the Pontifical Council for Social Communications. The Archbishop talks about it in this…
Pubblicato in Attualitá

Sabato, 21 settembre 2013

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Vi saluto tutti e vi ringrazio per il servizio che svolgete in un settore importante, quello della comunicazione, ma dopo aver sentito mons. Celli devo cancellare “settore”… una “dimensione esistenziale” importante…  Ringrazio Mons. Claudio Maria Celli per il saluto che mi ha rivolto anche a nome vostro. Vorrei condividere con voi alcuni pensieri.

1. Primo: l’importanza della comunicazione per la Chiesa. Quest’anno ricorrono i 50 anni dell’approvazione del Decreto Conciliare Inter mirifica. Non si tratta solo di un ricordo; quel Documento esprime l’attenzione della Chiesa alla comunicazione e ai suoi strumenti, importanti anche in una dimensione evangelizzatrice. Ma agli strumenti della comunicazione; la comunicazione non è uno strumento! E’ un’altra cosa… Negli ultimi decenni i mezzi di comunicazione si sono molto evoluti, ma questa sollecitudine rimane, assumendo nuove sensibilità e forme. Il panorama comunicativo è diventato a poco a poco per molti un “ambiente di vita”, una rete dove le persone comunicano, dilatano i confini delle proprie conoscenze e delle proprie relazioni (cfr Benedetto XVI, Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2013). Sottolineo soprattutto questi aspetti positivi, nonostante siamo tutti consapevoli dei limiti e dei fattori nocivi che pure esistono.

2. In questo contesto - ed ecco il secondo pensiero - ci dobbiamo domandare: che ruolo deve avere la Chiesa con le sue realtà operative e comunicative? In ogni situazione, al di là delle tecnologie, credo che l’obiettivo sia quello di sapersi inserire nel dialogo con gli uomini e le donne di oggi, Sapersi inserire nel dialogo con gli uomini e le donne di oggi, per comprenderne le attese, i dubbi, le speranze. Sono uomini e donne a volte un po’ delusi da un cristianesimo che a loro sembra sterile, in difficoltà proprio nel comunicare in modo incisivo il senso profondo che dona la fede. In effetti, noi assistiamo, proprio oggi, nell’era della globalizzazione, ad una crescita del disorientamento, della solitudine; vediamo diffondersi lo smarrimento circa il senso della vita, l’incapacità di fare riferimento ad una “casa”, la fatica di intessere legami profondi. E’ importante, allora, saper dialogare, entrando, con discernimento, anche negli ambiti creati dalle nuove tecnologie, nelle reti sociali, per far emergere una presenza, una presenza che ascolta, dialoga, incoraggia. Non abbiate timore di essere questa presenza, portando la vostra identità cristiana nel farvi cittadini di questo ambiente. Una Chiesa che accompagna il cammino, sa mettersi in cammino con tutti! E anche c’è un’antica regola dei pellegrini, che Sant’Ignazio assume, per questo io la conosco! In una delle sue regole dice che quello che accompagna un pellegrino e che va col pellegrino, deve andare al passo del pellegrino, non più avanti e non ritardare. E questo è quello che voglio dire: una Chiesa che accompagna il cammino e che sappia mettersi in cammino, come cammina oggi. Questa regola del pellegrino ci aiuterà a ispirare le cose.

3. Il terzo: è una sfida quella che tutti noi affrontiamo insieme, in questo contesto comunicativo, e la problematica non è principalmente tecnologica. Ci dobbiamo domandare: siamo capaci, anche in questo campo, di portare Cristo, o meglio di portare all’incontro di Cristo? Di camminare col pellegrino esistenziale, ma come camminava Gesù con quelli di Emmaus, riscaldando il cuore, facendo trovare loro il Signore? Siamo capaci di comunicare il volto di una Chiesa che sia la “casa” per tutti?  Noi parliamo della Chiesa con le porte chiuse. Ma questo è più che una Chiesa con le porte aperte, è più! Trovare insieme, fare “casa”, fare Chiesa, fare “casa”. Chiesa con le porte chiuse, Chiesa con le porte aperte. E’ questo: in cammino fare Chiesa. Una sfida! Far riscoprire, anche attraverso i mezzi di comunicazione sociale, oltre che nell’incontro personale, la bellezza di tutto ciò che è alla base del nostro cammino e della nostra vita, la bellezza della fede, la bellezza dell’incontro con Cristo. Anche nel contesto della comunicazione serve una Chiesa che riesca a portare calore, ad accendere il cuore. La nostra presenza, le nostre iniziative sanno rispondere a questa esigenza o rimaniamo tecnici? Abbiamo un tesoro prezioso da trasmettere, un tesoro che porta luce e speranza. Ce n’è tanto bisogno! Ma tutto ciò esige un’attenta e qualificata formazione, di sacerdoti, di religiosi, di religiose, laici, anche in questo settore. Il grande continente digitale non è semplicemente tecnologia, ma è formato da uomini e donne reali che portano con sé ciò che hanno dentro, le proprie speranze, le proprie sofferenze, le proprie ansie, la ricerca del vero, del bello e del buono. C’è bisogno di saper indicare e portare Cristo, condividendo queste gioie e speranze, come Maria che ha portato Cristo al cuore dell’uomo; c’è bisogno di saper entrare nella nebbia dell’indifferenza senza perdersi; c’è bisogno di scendere anche nella notte più buia senza essere invasi dal buio e smarrirsi; c’è bisogno di ascoltare le illusioni di tanti, senza lasciarsi sedurre; c’è bisogno di accogliere le delusioni, senza cadere nell’amarezza; di toccare la disintegrazione altrui, senza lasciarsi sciogliere e scomporsi nella propria identità (cfr Discorso all’Episcopato del Brasile, 27 luglio 2013, 4). Questo è il cammino. Questa è la sfida.

E’ importante cari amici, l’attenzione e la presenza della Chiesa nel mondo della comunicazione, per dialogare con l’uomo d’oggi e portarlo all’incontro con Cristo, ma l’incontro con Cristo è un incontro personale. Non si può manipolare. In questo tempo noi abbiamo una grande tentazione nella Chiesa, che è l’”acoso” [molestia]spirituale: manipolare le coscienze; un lavaggio di cervello teologale, che alla fine ti porta a un incontro con Cristo puramente nominalistico, non con la Persona di Cristo Vivo. Nell’incontro di una persona con Cristo, c’entra Cristo e la persona! Non quello che vuole l’ingegnere spirituale che vuol manipolare. Questa è la sfida. Portarlo all’incontro con Cristo nella consapevolezza, però, che noi siamo mezzi e che il problema di fondo non è l’acquisizione di sofisticate tecnologie, anche se necessarie ad una presenza attuale e valida. Sia sempre ben chiaro in noi che il Dio in cui crediamo, un Dio appassionato per l’uomo, vuole manifestarsi attraverso i nostri mezzi, anche se sono poveri, perché è Lui che opera, è Lui che trasforma, è Lui che salva la vita dell’uomo.

 E la nostra preghiera, di tutti, perché il Signore riscaldi il nostro cuore e ci sostenga nell’affascinante missione di portarlo al mondo. Mi raccomando alle vostre preghiere, perché anche io ho questa missione, e volentieri vi do la mia Benedizione.

Papa Francesco

Pubblicato in Attualitá
Giovedì, 19 Settembre 2013 14:08

Photos from the Plenary Assembly #pccs2013

Pubblicato in Attualitá

Sala Clementina

Lunedì, 28 febbraio 2011

Cari Fratelli e Sorelle,

sono lieto di accogliervi in occasione della Plenaria del Dicastero. Saluto il Presidente, Mons. Claudio Maria Celli, che ringrazio per le cortesi parole, i Segretari, gli Officiali, i Consultori e tutto il Personale.

Nel Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali di quest'anno, ho invitato a riflettere sul fatto che le nuove tecnologie non solamente cambiano il modo di comunicare, ma stanno operando una vasta trasformazione culturale. Si va sviluppando un nuovo modo di apprendere e di pensare, con inedite opportunità di stabilire relazioni e costruire comunione. Vorrei adesso soffermarmi sul fatto che il pensiero e la relazione avvengono sempre nella modalità del linguaggio, inteso naturalmente in senso lato, non solo verbale. Il linguaggio non è un semplice rivestimento intercambiabile e provvisorio di concetti, ma il contesto vivente e pulsante nel quale i pensieri, le inquietudini e i progetti degli uomini nascono alla coscienza e vengono plasmati in gesti, simboli e parole. L'uomo, dunque, non solo «usa» ma, in certo senso, «abita» il linguaggio. In particolare oggi, quelle che il Concilio Vaticano II ha definito «meravigliose invenzioni tecniche» (Inter mirifica, 1) stanno trasformando l'ambiente culturale, e questo richiede un'attenzione specifica ai linguaggi che in esso si sviluppano. Le nuove tecnologie «hanno la capacità di pesare non solo sulle modalità, ma anche sui contenuti del pensiero» (Aetatis novae, 4).

I nuovi linguaggi che si sviluppano nella comunicazione digitale determinano, tra l'altro, una capacità più intuitiva ed emotiva che analitica, orientano verso una diversa organizzazione logica del pensiero e del rapporto con la realtà, privilegiano spesso l'immagine e i collegamenti ipertestuali. La tradizionale distinzione netta tra linguaggio scritto e orale, poi, sembra sfumarsi a favore di una comunicazione scritta che prende la forma e l'immediatezza dell'oralità. Le dinamiche proprie delle «reti partecipative», richiedono inoltre che la persona sia coinvolta in ciò che comunica. Quando le persone si scambiano informazioni, stanno già condividendo se stesse e la loro visione del mondo: diventano «testimoni» di ciò che dà senso alla loro esistenza. I rischi che si corrono, certo, sono sotto gli occhi di tutti: la perdita dell'interiorità, la superficialità nel vivere le relazioni, la fuga nell'emotività, il prevalere dell'opinione più convincente rispetto al desiderio di verità. E tuttavia essi sono la conseguenza di un'incapacità di vivere con pienezza e in maniera autentica il senso delle innovazioni. Ecco perché la riflessione sui linguaggi sviluppati dalle nuove tecnologie è urgente. Il punto di partenza è la stessa Rivelazione, che ci testimonia come Dio abbia comunicato le sue meraviglie proprio nel linguaggio e nell'esperienza reale degli uomini, «secondo la cultura propria di ogni epoca» (Gaudium et spes, 58), fino alla piena manifestazione di sé nel Figlio Incarnato. La fede sempre penetra, arricchisce, esalta e vivifica la cultura, e questa, a sua volta, si fa veicolo della fede, a cui offre il linguaggio per pensarsi ed esprimersi. E' necessario quindi farsi attenti ascoltatori dei linguaggi degli uomini del nostro tempo, per essere attenti all'opera di Dio nel mondo.

In questo contesto, è importante il lavoro che svolge il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali nell'approfondire la "cultura digitale", stimolando e sostenendo la riflessione per una maggiore consapevolezza circa le sfide che attendono la comunità ecclesiale e civile. Non si tratta solamente di esprimere il messaggio evangelico nel linguaggio di oggi, ma occorre avere il coraggio di pensare in modo più profondo, come è avvenuto in altre epoche, il rapporto tra la fede, la vita della Chiesa e i mutamenti che l'uomo sta vivendo. E' l'impegno di aiutare quanti hanno responsabilità nella Chiesa ad essere in grado di capire, interpretare e parlare il «nuovo linguaggio» dei media in funzione pastorale (cfr Aetatis novae, 2), in dialogo con il mondo contemporaneo, domandandosi: quali sfide il cosiddetto «pensiero digitale» pone alla fede e alla teologia? Quali domande e richieste?

Il mondo della comunicazione interessa l'intero universo culturale, sociale e spirituale della persona umana. Se i nuovi linguaggi hanno un impatto sul modo di pensare e di vivere, ciò riguarda, in qualche modo, anche il mondo della fede, la sua intelligenza e la sua espressione. La teologia, secondo una classica definizione, è intelligenza della fede, e sappiamo bene come l'intelligenza, intesa come conoscenza riflessa e critica, non sia estranea ai cambiamenti culturali in atto. La cultura digitale pone nuove sfide alla nostra capacità di parlare e di ascoltare un linguaggio simbolico che parli della trascendenza. Gesù stesso nell'annuncio del Regno ha saputo utilizzare elementi della cultura e dell'ambiente del suo tempo: il gregge, i campi, il banchetto, i semi e così via. Oggi siamo chiamati a scoprire, anche nella cultura digitale, simboli e metafore significative per le persone, che possano essere di aiuto nel parlare del Regno di Dio all'uomo contemporaneo.

E' inoltre da considerare che la comunicazione ai tempi dei «nuovi media» comporta una relazione sempre più stretta e ordinaria tra l'uomo e le macchine, dai computer ai telefoni cellulari, per citare solo i più comuni. Quali saranno gli effetti di questa relazione costante? Già il Papa Paolo VI, riferendosi ai primi progetti di automazione dell'analisi linguistica del testo biblico, indicava una pista di riflessione quando si chiedeva: «Non è cotesto sforzo di infondere in strumenti meccanici il riflesso di funzioni spirituali, che è nobilitato ed innalzato ad un servizio, che tocca il sacro? È lo spirito che è fatto prigioniero della materia, o non è forse la materia, già domata e obbligata ad eseguire leggi dello spirito, che offre allo spirito stesso un sublime ossequio?» (Discorso al Centro di Automazione dell'Aloisianum di Gallarate, 19 giugno 1964). Si intuisce in queste parole il legame profondo con lo spirito a cui la tecnologia è chiamata per vocazione (cfr Enc. Caritas in veritate, 69).

E' proprio l'appello ai valori spirituali che permetterà di promuovere una comunicazione veramente umana: al di là di ogni facile entusiasmo o scetticismo, sappiamo che essa è una risposta alla chiamata impressa nella nostra natura di esseri creati a immagine e somiglianza del Dio della comunione. Per questo la comunicazione biblica secondo la volontà di Dio è sempre legata al dialogo e alla responsabilità, come testimoniano, ad esempio, le figure di Abramo, Mosè, Giobbe e i Profeti, e mai alla seduzione linguistica, come è invece il caso del serpente, o di incomunicabilità e di violenza come nel caso di Caino. Il contributo dei credenti allora potrà essere di aiuto per lo stesso mondo dei media, aprendo orizzonti di senso e di valore che la cultura digitale non è capace da sola di intravedere e rappresentare.

In conclusione mi piace ricordare, insieme a molte altre figure di comunicatori, quella di padre Matteo Ricci, protagonista dell'annuncio del Vangelo in Cina nell'era moderna, del quale abbiamo celebrato il IV centenario della morte. Nella sua opera di diffusione del messaggio di Cristo ha considerato sempre la persona, il suo contesto culturale e filosofico, i suoi valori, il suo linguaggio, cogliendo tutto ciò che di positivo si trovava nella sua tradizione, e offrendo di animarlo ed elevarlo con la sapienza e la verità di Cristo.

Cari amici, vi ringrazio per il vostro servizio; lo affido alla protezione della Vergine Maria e, nell'assicurarvi la mia preghiera, vi imparto la Benedizione Apostolica.

© Copyright 2011 - Libreria Editrice Vaticana

Pubblicato in Magisterio

Saluto al Santo Padre

S. E. Mons. Claudio M. Celli

Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali

 Udienza Pontificia Lunedì 28 febbraio 2011

  Beatissimo Padre,

 ancora una volta i membri ed i consultori del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali riuniti in Plenaria sono qui per riconfermare tutta la loro fedeltà al Successore di Pietro, con l’assicurazione di una totale dedizione al servizio che ci è stato affidato nella Chiesa.

 Questa mattina abbiamo dato inizio ai nostri lavori e ci sembra che sia particolarmente significativo che essi possano proseguire durante i prossimi 3 giorni, illuminati e sostenuti dalla Sua parola e dal Suo paterno incoraggiamento.

 Le prossime giornate saranno molto intense, poiché, oltre ad aiutarci a mettere a fuoco una visione sempre più precisa e nitida di quanto sta avvenendo nel mondo e nella Chiesa nel campo della comunicazione ci porteranno ad approfondire un tema che riteniamo di fondamentale importanza: quello del linguaggio o dei linguaggi.

 Siamo sempre più consapevoli che le attuali tecnologie stanno dando origine a un nuovo ambiente culturale, dove i vari linguaggi che in esso nascono e si sviluppano, esigono una particolare attenzione. Infatti, è sempre più evidente che oggi essi incidono profondamente nella maniera di vivere, di pensare, e di agire dell’essere umano. In questa prospettiva, Padre Santo, si muoveranno i lavori della nostra Plenaria; nella appassionata ricerca di come, facendo riferimento all’uso dei nuovi linguaggi è possibile parlare del Regno di Dio all’uomo e alla donna di oggi.

 Si tratta senza dubbio di una sfida che questo Consiglio dovrà affrontare sin d’ora, in dialogo con le varie Conferenze episcopali, perché nell’ascolto di quanto sta avvenendo nel mondo della comunicazione, e guidati e sostenuti dallo Spirito di Dio, siano capaci di aiutare la Chiesa a svolgere il suo compito evangelizzatore in questo tempo.

 Padre Santo, siamo qui per ascoltare la Sua parola che illuminerà il nostro non facile cammino e per avere la Sua paterna benedizione sui lavori della Plenaria, sulla missione che ci è affidata, e sulle persone che ci sono care.

 

Pubblicato in Discorsi

Saluto S. E. Mons. Claudio M. Celli

Udienza Pontificia

giovedì 29 ottobre 2009

Beatissimo Padre,

terminano oggi i lavori dell'Assemblea Plenaria del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali iniziati lunedì scorso.

Sono state giornate intense di lavoro, per comprendere insieme quale deve essere l'azione pastorale della Chiesa nella sua relazione con la "cultura digitale" originata dalle nuove tecnologie.

Oggi siamo qui per "videre Petrum", per ascoltare la Sua parola, che illumina questo cammino per alcuni aspetti nuovo e non sempre facile.

Ci rendiamo conto che la sfida da affrontare è grande, ma è su questi sentieri del mondo che siamo chiamati ad incontrare le donne e gli uomini del nostro tempo, per annunciare loro la Parola di vita, Gesù Nostro Signore.

Siamo qui Padre Santo per dirLe la nostra profonda devozione e la gioia di sentirla accanto nel compimento della missione che ci ha affidato.

Nello stesso tempo, vorremmo dirLe il nostro grazie per aver voluto invitare tutta la Chiesa e, in particolare i sacerdoti, a prendere chiara consapevolezza della sfida e delle opportunità che il mondo digitale offre affinché i nuovi media siano a servizio della Parola 

Le chiediamo di benedirci, di invocare l'aiuto divino sul nostro lavoro, sulle nostre famiglie e sulle persone che ci sono più care.

E, se mi è concesso, vorremmo dirLe, Padre Santo, in un sussulto del cuore, che Le vogliamo bene e che la nostra preghiera per Lei si eleva costante al Signore e a Maria.

Pubblicato in Discorsi

PCCS - Assemblea Plenaria

26 ottobre 2009

Intervento S. E. Mons. Claudio M. Celli

Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali

Eminenze, Eccellenze, cari fratelli e sorelle in Cristo,

è per me un piacere oggi darvi il benvenuto in questa sala scelta appositamente perché vicina alla nuova sede del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali.

Come avete notato, infatti, ormai da più di due anni la sede del nostro Consiglio non è più nel Palazzo San Carlo in Vaticano.

Questa decisione è stata dettata dal desiderio di superare alcune difficoltà logistiche quali la mancanza di spazi e di evitare difficoltà burocratiche legate all'ingresso in Vaticano a tutte quelle delegazioni che per svolgere la loro missione dovevano venire al Consiglio per ottenere il necessario accreditamento.

Posso dire che il cambiamento ha avuto non solo un benefico effetto e il personale dell'ufficio si trova bene nei nuovi locali, ma soprattutto che è molto più facile l'accesso agli uffici per i nostri visitatori e per i Vescovi in Visita ad Limina.

Come tutti voi ben sapete, la mia nomina a Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali è avvenuta il 27 luglio 2007, dopo essere stato ricevuto dal Santo Padre, che mi ha benevolmente ricevuto in Udienza privata annunciandomi lui stesso la mia nomina, e manifestandomi quali erano i suoi desiderata nel campo della comunicazione.

Orientamenti che ho doverosamente fatto miei e che mi hanno guidato in questi due anni e mezzo al servizio di questo Dicastero.

Questa è pertanto la mia prima Assemblea Plenaria avendo preso la decisione di non convocarla nel 2007 e nel 2008 perché troppo vicina alla mia nomina e desiderando avere una conoscenza il più ampia possibile del campo di azione di questo Dicastero.

Mi si permetta, pertanto, innanzitutto di rivolgere un grato e deferente pensiero al mio predecessore l'Eminentissimo Cardinale Foley che per ben 23 anni è stato alla guida di questo Pontificio Consiglio, dando il meglio di se stesso e della sua preparazione. A lui la nostra simpatia e un vivo ringraziamento per ciò che è stato e per ciò che ha fatto a nome della Santa Sede nel campo dei media.

Penso che sia mio dovere ora, mettere al tanto tutti loro su ciò che si è fatto in questo tempo grazie anche alla attiva partecipazione dei due Segretari, Mons. Paul Tighe e Mons. Giuseppe Scotti, del Dott. Angelo Scelzo, che tutti voi ben conoscete, e dei collaboratori di questo Dicastero.

1) Attenzione al mondo accademico

Devo confessare che la mia preparazione e la conseguente esperienza nel servizio della Santa Sede non aveva mai preso in considerazione i media. L'unica mia esperienza in proposito negli undici anni passati è l'essere stato responsabile del sito internet della Santa Sede in quanto Segretario della Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica.

Ritenni pertanto necessario avere quanto prima dei contatti con i decani delle tre Facoltà Ecclesiastiche della Pontificia Università Gregoriana, Salesiana, e della Santa Croce. Era mio desiderio, infatti, avere un contatto diretto con le istituzioni accademiche che in campo ecclesiastico svolgevano un importante ruolo formativo qui a Roma.

Colloqui intensi che hanno favorito la consapevolezza di ciò che si sta dibattendo nel campo della comunicazione a livello universitario, ma che aprivano anche le porte a nuovi orizzonti pastorali suscitando nel contempo non poche inquietudini.

In questo contesto è nata l'idea di convocare un Congresso Internazionale, qui in Roma, per i decani e i responsabili delle Facoltà di Comunicazione delle Università Cattoliche a livello mondiale per vedere ciò che può e deve essere la missione di una tale facoltà nell'epoca odierna.

Come loro sanno, - per questo ho ritenuto opportuno inviare loro una apposita relazione al riguardo - il Congresso ha avuto luogo dal 22 al 24 maggio 2008 e ha visto la partecipazione di rappresentanti provenienti da 44 differenti paesi.

È emerso tra l'altro che in non poche Università Cattoliche era assente o poco sottolineata la formazione antropologica-etica nella formazione degli studenti. È stato poi interessante vedere come l'interazione tra i vari rappresentanti sia servita a porre sul tappeto un tema di urgente necessità nell'attuale panorama accademico della comunicazione, vale a dire il tema della formazione, tema che sarà il punto di riferimento costante di questo mio intervento.

A questo primo Congresso Internazionale sono seguiti altri Congressi a livello Nazionale, come quello a Salamanca degli operatori in campo comunicativo delle Facoltà delle Università Cattoliche Spagnole o quello continentale a Bangkok che riuniva i rappresentanti delle Università Cattoliche operanti in Estremo Oriente o quello continentale a Bogotà organizzato dal CELAM e che trattava dell'insegnamento dell'Etica della comunicazione.

Sono già in programma per il prossimo futuro un ulteriore incontro in America Latina, forse Cile, più un altro negli Stati Uniti d'America. È nostro desiderio che le riflessioni che sono emerse nel Congresso di Roma risuonino il più possibile nei contesti accademici culturali dei vari continenti.

Vorrei poi sottolineare, un'altra iniziativa legata al territorio romano organizzata dal Vicariato. Il Dott. Scelzo e il sottoscritto abbiamo partecipato ad alcuni incontri che vedono riuniti i professori delle Università statali e private operanti qui in Roma. Riunioni che vedono interagire professori nei vari settori della comunicazione, dalla musica al teatro e così via.

2) Attenzione alle Radio Cattoliche.

Una particolare attenzione è stata rivolta alle radio cattoliche operanti nel contesto mondiale e a questo proposito è stato convocato un Congresso Internazionale, dal 19 al 21 giugno 2008, che ha visto la partecipazione di rappresentanti provenienti da 41 differenti paesi.

Anche in questo campo la domanda era: qual è l'identità e la missione delle radio cattoliche nel contesto odierno?

Non mi addentro nei particolari di tale congresso avendo loro inviato una apposita relazione. Accenno solo che, a seguire quell'incontro, il Pontificio Consiglio è stato presente agli incontri della CERC (Conferenza Europea delle Radio Cristiane) a Bled (Slovenia) nel 2008 e a Hilversum (Olanda) nel 2009 proprio per favorire una condivisione di obiettivi delle Radio Cattoliche Europee.

Come ricorderanno, i partecipanti di entrambi i congressi sono stati ricevuti dal Santo Padre il quale ha benevolmente rivolto un Suo Messaggio. Ho pensato che era bene di inviarvene copia perché il Santo Padre dava delle indicazioni pastorali nel contesto della formazione accademica e nell'attività delle Radio Cattoliche.

3) il Seminario per i Vescovi

In ossequio alle indicazioni del Santo Padre, ho cercato di rendermi il più possibile presente lì dove venivo invitato a livello nazionale o regionale. Presi quindi parte alle riunioni dei Vescovi dell'AMECEA (Eritrea, Ethiopia, Kenya, Malawi, Sudan, Tanzania, Uganda, Zambia) che mi avevano invitato appositamente a parlare sul ruolo della comunicazione nella Chiesa. Facevo rilevare a quei presuli che la prima delle problematiche che emergevano in quei paesi era quella della formazione dei sacerdoti e delle religiose nel campo dei media. Ricordo che in quella circostanza alcuni Vescovi si avvicinarono e mi dissero confidenzialmente che i primi ad essere preparati dovevano essere proprio i Vescovi. Da questo incontro africano, per certo molto intenso, sorse l'idea di organizzare un Seminario in Roma per i Vescovi responsabili delle Commissioni episcopali per le Comunicazioni Sociali delle varie Conferenze Episcopali. I presuli e gli ecclesiastici che hanno preso parte al Seminario (9-13 marzo 2009) rappresentavano circa 80 paesi, vale a dire quasi il 75% della Chiesa.

Si è trattato di un incontro ricco, intenso, che ha permesso ai partecipanti di conoscere le prospettive che si creano con le tecnologie nel campo della comunicazione e tramite opportuni gruppi di studio si è chiesto loro di fare suggerimenti per la redazione di una nuova Istruzione Pastorale, che dovrebbe sostituire l'Aetatis Novae già "vecchia" di 17 anni.

Questo Pontificio Consiglio, dopo aver contattato vari periti accademici dell'arte della comunicazione, ha sottoposto alle loro considerazioni una prima bozza di una eventuale Istruzione Apostolica. Il documento che avete tra mano, e che sarà analizzato nel corso di questa assemblea plenaria tocca solamente alcuni aspetti. Di proposito non abbiamo proceduto ad enucleare delle prospettive pastorali per il futuro perché queste dovrebbero emergere dai lavori dell'attuale assemblea plenaria.

Loro avranno notato che questa nostra riunione non ha un tema particolare. Ci è sembrato infatti che fosse opportuno prendere atto della attuale situazione nel campo dei media, e di pervenire alla consapevolezza che la grande sfida che dobbiamo cogliere è quella di vedere come la Chiesa può dialogare con quella che il Santo Padre definisce la "cultura digitale": spetterà a noi individuare e precisare prospettive sul piano pastorale che potrebbero essere di aiuto alle varie chiese particolari in questo campo.

Sono consapevole che i contesti sono molto diversi. Ci sono ambienti dove le nuove tecnologie sono sempre più determinanti e influenti nella vita dell'uomo, ma in altri paesi tutto ciò è assente date le locali condizioni socio-economiche.

Nella nostra programmazione pastorale, quindi, si dovranno tenere presenti queste grandi diversità, evidenziandole, ma allo stesso tempo si offrirà anche una chiara disponibilità ad un dialogo franco e aperto con la "cultura digitale" ma anche con quelle altre realtà che tanto bene hanno fatto e continuano a fare nella Chiesa, penso per esempio alla carta stampata.

4) Attenzione formazione

I colloqui con i Vescovi in visita ad Limina che, devo riconoscere, sono arricchenti e stimolanti per il nostro lavoro, le varie visite in loco, – con i due segretari numerose sono state le visite nei vari continenti – han fatto emergere un tema che ritengo prioritario, vale a dire il tema della formazione. Non si tratta quindi di promuovere un miglioramento dei mezzi di comunicazione sociale che sono a nostra disposizione, ma di formare persone che possono svolgere un ruolo fondamentale per una efficiente pastorale nel campo della comunicazione.

Per questo motivo dovunque sono stato a parlare con i Vescovi ho assicurato l'impegno di questo Consiglio a trovare delle borse di studio per quei sacerdoti che i presuli avessero messo a disposizione per una tale formazione. Lo stiamo già facendo con sacerdoti dell'America Latina, Africa e Europa Orientale. Devo confessare, però, che non è così facile trovare chi è disponibile a finanziare queste borse di studio. Ritengo tuttavia che il Pontificio Consiglio non possa esimersi dal trovare fondi a questo scopo.

Vi confesso che un'attenzione particolare, quest'anno e lo sarà anche l'anno prossimo, è stata dedicata all'Africa. Ho partecipato a due riunioni regionali episcopali, AMECEA in Zambia e CERAO in Costa D'Avorio, e d'accordo con i Vescovi africani è stato organizzato un Seminario a Nairobi per 80 giovani provenienti dagli otto paesi AMECEA sul tema "Youth Workshop on the communication at the service of Justice and Peace". Ci siamo recati a Nairobi con Mons. Tighe e Padre Yameogo perché si voleva che i Vescovi della regione prendessero consapevolezza di quanto si stava facendo e, devo riconoscere, che l'intesa è stata positiva. Il seminario ha dato ottimi risultati, tanto è vero che il tam tam africano, che informava altri Paesi del buon esito dell'iniziativa, ha suscitato altre richieste simili. Penso che nel 2010 si farà un altro seminario a Nairobi indirizzato a giovani degli otto Paesi, scelti dai Vescovi locali, e probabilmente si farà un seminario per religiose, che possono svolgere un ruolo molto importante nella società africana tramite i media.

5) Giornata mondiale delle comunicazioni sociali

Desidero ora fare riferimento alla celebrazione della Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Sotto la mia presidenza due sono state già realizzate e il Papa di recente ci ha affidato il tema per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2010.

Come loro sanno, il Pontificio Consiglio propone al Santo Padre tre temi. Si è cercato con i due temi 2008/09 di fare riferimento a tematiche che non avessero solo rilevanza intraecclesiale ma che potessero trovare ascolto anche in ambienti laici, ma ugualmente preoccupati di aspetti umani della comunicazione. Posso per esempio dire che i professori delle Facoltà delle Università romane hanno espresso pareri molto favorevoli sul messaggio della Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2009: "Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia".

Il tema di quest'anno ha invece una prospettiva intraecclesiale e penso che il Santo Padre l'abbia scelta in considerazione dell'anno sacerdotale: "Il sacerdote e la pastorale nel mondo digitale: i nuovi media al servizio della parola".

Sarei grato a tutti loro se potessero farci avere dei suggerimenti per la stesura del messaggio.

In questo contesto mi piace fare riferimento a due iniziative in connessione con la preparazione della Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.

La prima è l'incontro avuto con i rappresentanti delle agenzie di stampa, laiche ed ecclesiali, operanti in Roma. Non sono a spiegare loro che oggi la comunicazione informativa si basa su quanto le agenzie di stampa diffondono. Ci è sembrato quindi opportuno presentare alle agenzie il Messaggio del Santo Padre perché fossero in grado di preparare un corretto commento. Credo che il risultato sia stato positivo; l'iniziativa è stata ben accolta e i servizi sono stati come desiderato.

La seconda iniziativa è legata al contesto del Messaggio stesso che, come loro avranno notato, era indirizzato in maniera particolare al mondo giovanile accogliendo un suggerimento di una studentessa americana. Con la collaborazione di un sacerdote italiano si è dato vita, nello scorso mese di maggio, ad un nuovo sito "www.pope2you.net".

Vi confesso che non sapendo che reazione avrebbe trovato nel mondo giovanile ho preferito che questo sito non si aprisse nell'ambito del sito vaticano per evitare che, se l'iniziativa fosse fallita, questa non ricadesse sulla Santa Sede. Il sito invece ha avuto un grande successo e al suo15° giorno ben 5 milioni erano stati gli accessi e a tutt'oggi tra le cartoline messe a disposizione ne sono state inviate 200.000 circa. Queste cifre fanno capire che abbiamo colto nel segno. Il problema ora che si pone è se mantenere operativo questo sito e come mantenerlo aperto. Abbiamo dedicato alcune riunioni a questo tema e si è pensato che non era saggio vanificare o ridurre al nulla una simile esperienza pastorale, anche perché si è creato uno zoccolo duro di amici di circa 30- 40.000 giovani.

Si è pensato quindi di mantenerlo aperto, ma una tale decisione impone rapidi cambiamenti e nuove prospettive. Il mondo giovanile, infatti, non può rimanere legato ad un sito che durante parecchi mesi non apporti nessun cambiamento alla sua grafica e alla sua offerta.

A questo proposito, ho parlato con alcune congregazioni religiose esperte in materia perché ci dessero una mano per un sito indirizzato al mondo giovanile o capace di interloquire sulle tematiche giovanili, mondo e Chiesa di oggi. Basti pensare a come presentare ai giovani, in modo appropriato, l'ultima Enciclica del Santo Padre. Spero di darvi positive informazioni nella prossima Plenaria.

6) Prospettive per il futuro.

Nell'anno 2006 a Madrid si svolgeva un Congresso sulle problematiche delle TV Cattoliche. Negli anni 2007-2008 abbiamo affrontato le tematiche sulle Facoltà di comunicazione delle Università Cattoliche e sulle Radio Cattoliche.

Mi sembra giunto il momento di rivolgere uno sguardo attento alla stampa cattolica e al mondo Internet. Dato che molte Diocesi hanno i propri settimanali, o hanno siti Internet, penso che sarebbe opportuno che all'interno della Chiesa ci si ritrovasse per analizzare problematiche, valutare esperienze per guardare al futuro con un sempre più responsabile impegno.

Sarei loro grato se nel corso di questa Assemblea o anche dopo, tornando nelle rispettive sedi, ci potessero fare avere suggerimenti al riguardo.

* * *

Pubblicato in Discorsi

Sala del Concistoro
Giovedì, 29 ottobre 2009

 

Signori Cardinali,

venerati Fratelli nell'Episcopato e nel Sacerdozio,

cari fratelli e sorelle in Cristo,

con grande gioia vi porgo il mio cordiale benvenuto in occasione dell'Assemblea Plenaria del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali. Desidero anzitutto esprimere la mia gratitudine a Mons. Claudio Maria Celli, Presidente del vostro Pontificio Consiglio, per le cortesi parole che mi ha rivolto a nome di voi tutti. Estendo il mio saluto ai suoi collaboratori e a voi qui presenti, ringraziandovi per il contributo che offrite ai lavori della Plenaria, e per il servizio che rendete alla Chiesa nel campo delle comunicazioni sociali.

In questi giorni vi soffermate a riflettere sulle nuove tecnologie della comunicazione. Anche un osservatore poco attento può facilmente costatare che nel nostro tempo, grazie proprio alle più moderne tecnologie, è in atto una vera e propria rivoluzione nell'ambito delle comunicazioni sociali, di cui la Chiesa va prendendo sempre più responsabile consapevolezza. Tali tecnologie, infatti, rendono possibile una comunicazione veloce e pervasiva, con una condivisione ampia di idee e di opinioni; facilitano l'acquisizione di informazioni e di notizie in maniera capillare e accessibile a tutti. Il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali segue da tempo questa sorprendente e veloce evoluzione dei media, facendo tesoro degli interventi del magistero della Chiesa. Vorrei qui ricordare, in particolare, due Istruzioni Pastorali: la Communio et Progressio del Papa Paolo VI e la Aetatis Novae voluta da Giovanni Paolo II. Due autorevoli documenti dei miei venerati Predecessori, che hanno favorito e promosso nella Chiesa un'ampia sensibilizzazione su queste tematiche. Inoltre, i grandi cambiamenti sociali avvenuti negli ultimi vent'anni hanno sollecitato e continuano a sollecitare un'attenta analisi sulla presenza e sull'azione della Chiesa in tale campo. Il Servo di Dio Giovanni Paolo II nell'Enciclica Redemptoris missio (1990) ricordava che "l'impegno nei mass media, non ha solo lo scopo di moltiplicare l'annunzio: si tratta di un fatto più profondo, perché l'evangelizzazione stessa della cultura moderna dipende in gran parte dal loro influsso". Ed aggiungeva: "Non basta, quindi, usarli per diffondere il messaggio cristiano e il magistero della Chiesa, ma occorre integrare il messaggio stesso in questa 'nuova cultura' creata dalla comunicazione moderna" (n. 37.c). In effetti, la cultura moderna scaturisce, ancor prima che dai contenuti, dal dato stesso dell'esistenza di nuovi modi di comunicare che utilizzano linguaggi nuovi, si servono di nuove tecniche e creano nuovi atteggiamenti psicologici. Tutto questo costituisce una sfida per la Chiesa chiamata ad annunciare il Vangelo agli uomini del terzo millennio mantenendone inalterato il contenuto, ma rendendolo comprensibile grazie anche a strumenti e modalità consoni alla mentalità e alle culture di oggi.

I mezzi di comunicazione sociale, così chiamati nel Decreto conciliare Inter Mirifica, hanno oggi assunto potenzialità e funzioni all'epoca forse difficilmente immaginabili. Il carattere multimediale e la interattività strutturale dei singoli nuovi media, ha, in un certo modo, diminuito la specificità di ognuno di essi, generando gradualmente una sorta di sistema globale di comunicazione, per cui, pur mantenendo ciascun mezzo il proprio peculiare carattere, l'evoluzione attuale del mondo della comunicazione obbliga sempre più a parlare di un'unica forma comunicativa, che fa sintesi delle diverse voci o le pone in stretta reciproca connessione. Molti fra voi, cari amici, sono esperti in materia e possono analizzare con più grande professionalità le varie dimensioni di questo fenomeno, incluse soprattutto quelle antropologiche. Vorrei cogliere l'occasione per invitare quanti nella Chiesa operano nell'ambito della comunicazione ed hanno responsabilità di guida pastorale a saper raccogliere le sfide che pongono all'evangelizzazione queste nuove tecnologie.

Nel Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali di quest'anno, sottolineando l'importanza che rivestono le nuove tecnologie, ho incoraggiato i responsabili dei processi comunicativi ad ogni livello, a promuovere una cultura del rispetto per la dignità e il valore della persona umana, un dialogo radicato nella ricerca sincera della verità, dell'amicizia non fine a se stessa, ma capace di sviluppare i doni di ciascuno per metterli a servizio della comunità umana. In tal modo la Chiesa esercita quella che potremmo definire una "diaconia della cultura" nell'odierno "continente digitale", percorrendone le strade per annunciare il Vangelo, la sola Parola che può salvare l'uomo. Al Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali tocca approfondire ogni elemento della nuova cultura dei media, a iniziare dagli aspetti etici, ed esercitare un servizio di orientamento e di guida per aiutare le Chiese particolari a cogliere l'importanza della comunicazione, che rappresenta ormai un punto fermo e irrinunciabile di ogni piano pastorale. Proprio le caratteristiche dei nuovi mezzi rendono, peraltro, possibile, anche su larga scala e nella dimensione globalizzata che essa ha assunto, un'azione di consultazione, di condivisione e di coordinamento che, oltre a incrementare un'efficace diffusione del messaggio evangelico, evita talvolta un'inutile dispersione di forze e di risorse. Per i credenti la necessaria valorizzazione delle nuove tecnologie mediatiche va sempre però sostenuta da una costante visione di fede, sapendo che, al di là dei mezzi che si utilizzano, l'efficacia dell'annuncio del Vangelo dipende in primo luogo dall'azione dello Spirito Santo, che guida la Chiesa e il cammino dell'umanità.

Cari fratelli e sorelle, quest'anno ricorre il 50.mo anniversario della fondazione della Filmoteca Vaticana, voluta dal mio venerato predecessore, il Beato Giovanni XXIII, e che ha raccolto e catalogato materiale filmato dal 1896 a oggi in grado di illustrare la storia della Chiesa. La Filmoteca Vaticana possiede pertanto un ricco patrimonio culturale, che appartiene all'intera umanità. Mentre esprimo viva gratitudine per ciò che è già stato compiuto, incoraggio a proseguire tale interessante lavoro di raccolta, che documenta le tappe del cammino della cristianità, attraverso la suggestiva testimonianza dell'immagine, affinché questi beni siano custoditi e conosciuti. A voi qui presenti ancora una volta grazie per l'apporto che offrite alla Chiesa in un ambito quanto mai importante, com'è quello delle Comunicazioni Sociali, e vi assicuro la mia preghiera perché l'azione del vostro Pontificio Consiglio continui a portare molti frutti. Invoco su ciascuno l'intercessione della Madonna ed imparto a tutti voi la Benedizione Apostolica.

© Copyright 2009 - Libreria Editrice Vaticana

Pubblicato in Magisterio





Progetti di PCCS

Italiano

intermirifica-x-pccsglobe 500 en

50intermirifca

discorsi

 news-va avatar x pccs3

banner1pope2

mediaprojects 

contributi