Chiesa e Comunicazione

santa-croce

 vatican-va-ok

editrice-vatic

radio-vaticana

cei

Martedì, 26 Novembre 2013 11:59

Una Chiesa dalle porte aperte: pubblicata l'Esortazione apostolica del Papa "Evangelii Gaudium"

Una Chiesa dalle porte aperte: pubblicata l'Esortazione apostolica del Papa "Evangelii Gaudium"

Citta' del Vaticano (Radio Vaticana) "La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù": inizia così l'Esortazione apostolica "Evangelii Gaudium", pubblicata oggi, con cui Papa Francesco sviluppa il tema dell'annuncio del Vangelo nel mondo attuale, raccogliendo, tra l'altro, il contributo dei lavori del Sinodo che si è svolto in Vaticano dal 7 al 28 ottobre 2012 sul tema "La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede". La sintesi di questo importante documento nel servizio di Sergio Centofanti:

Con questa Esortazione, il Papa indica alcune "vie per il cammino della Chiesa nei prossimi anni". Ne segnaliamo cinque. Innanzitutto, intende avviare "una nuova tappa evangelizzatrice" caratterizzata dalla gioia. E' un accorato appello a tutti i battezzati perché con nuovo fervore e dinamismo portino agli altri l'amore di Gesù che sperimentano nella loro vita, la gioia e la bellezza della sua amicizia, in uno "stato permanente di missione". I cristiani sono chiamati ad essere "evangelizzatori con Spirito" che "pregano e lavorano": sulla loro bocca deve risuonare il primo annuncio o 'kerygma': "Gesù Cristo ti ama, ha dato la sua vita per salvarti, e adesso è vivo al tuo fianco ogni giorno, per illuminarti, per rafforzarti, per liberarti".

Secondo punto: rinnovamento con creatività e audacia, a partire dal recupero della "freschezza originale del Vangelo". Occorre "una conversione pastorale e missionaria, che non può lasciare le cose come stanno", e una "riforma delle strutture" ecclesiali perché "diventino tutte più missionarie". Il Pontefice pensa anche ad "una conversione del papato" sulla via di una maggiore collegialità e di una "salutare decentralizzazione". Bisogna trovare "nuove strade" e "metodi creativi", non avere paura di rivedere consuetudini e norme della Chiesa che non sono "direttamente legate al nucleo del Vangelo, alcune molto radicate nel corso della storia". Sottolinea la necessità di far crescere la responsabilità dei laici, tenuti "al margine delle decisioni" da "un eccessivo clericalismo", e di allargare gli spazi per una presenza femminile più incisiva nella Chiesa", in particolare "nei diversi luoghi dove vengono prese le decisioni importanti".

Terzo punto: una Chiesa aperta, accogliente e misericordiosa. Il Papa invita la Chiesa ad avere "le porte aperte". La Chiesa è il luogo della misericordia non della condanna, perché Dio non si stanca mai di perdonare. "Nemmeno le porte dei Sacramenti si dovrebbero chiudere per una ragione qualsiasi". Così, l'Eucaristia "non è un premio per i perfetti ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli. Queste convinzioni hanno anche conseguenze pastorali che siamo chiamati a considerare con prudenza e audacia. Di frequente ci comportiamo come controllori della grazia e non come facilitatori. La Chiesa non è una dogana, è la casa paterna dove c'è posto per ciascuno con la sua vita faticosa". Papa Francesco ribadisce di preferire una Chiesa "ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa ... rinchiusa in un groviglio di ossessioni e procedimenti. Se qualcosa deve santamente inquietarci ... è che tanti nostri fratelli vivono" senza l'amicizia di Gesù. L'annuncio del Vangelo deve avere caratteristiche positive: vicinanza, rispetto, compassione, pazienza per la fatica di un cammino di maturazione. Anche le omelie dei sacerdoti devono rifuggire da una "predicazione puramente moralista o indottrinante" ed essere positive per non lasciare "prigionieri della negatività", ma offrire "sempre speranza", riuscendo a dire "parole che fanno ardere i cuori".

Quarto punto. Il dialogo e l'incontro: con gli altri cristiani (l'ecumenismo è "una via imprescindibile dell'evangelizzazione"), con le altre religioni ("condizione necessaria per la pace nel mondo") e con i non credenti. Il dialogo va condotto "con un'identità chiara e gioiosa": non oscura l'evangelizzazione. In particolare, il Papa osserva che "in quest'epoca acquista notevole importanza la relazione" con i musulmani. Implora "umilmente" i Paesi di tradizione islamica perché garantiscano la libertà religiosa ai cristiani, anche "tenendo conto della libertà che i credenti dell'Islam godono nei Paesi occidentali!". Contro il tentativo di privatizzare le religioni, afferma che "il rispetto dovuto alle minoranze di agnostici o di non credenti" non deve mettere "a tacere le convinzioni di maggioranze credenti".

Quinto punto. La Chiesa sia voce profetica, capace di parlare "con audacia ... anche controcorrente". Ribadisce l'opzione della Chiesa per i poveri. Il Papa chiede "una Chiesa povera per i poveri". Denuncia l'attuale sistema economico che "è ingiusto alla radice". "Questa economia uccide" perché prevale la "legge del più forte". L'attuale cultura dello "scarto" ha creato "qualcosa di nuovo": "gli esclusi non sono 'sfruttati' ma rifiuti, 'avanzi'"."Prego il Signore che ci regali più politici che abbiano davvero a cuore la società, il popolo, la vita dei poveri!". Le comunità cristiane che si dimenticano dei poveri sono destinate alla dissoluzione. "Tra questi deboli di cui la Chiesa vuole prendersi cura" ci sono "i bambini nascituri, che sono i più indifesi e innocenti di tutti ... Non è progressista pretendere di risolvere i problemi eliminando una vita umana". La famiglia – prosegue il Papa – "attraversa una crisi culturale profonda" che "favorisce uno stile di vita ... che snatura i vincoli familiari". Denuncia le "nuove situazioni di persecuzione dei cristiani".

L'Esortazione si conclude con una preghiera a Maria "Madre dell'Evangelizzazione". Guardando alla Madre di Dio "torniamo a credere nella forza rivoluzionaria della tenerezza e dell'affetto".





Progetti di PCCS

intermirifica-x-pccsglobe 500 en

50intermirifca

discorsi

 news-va avatar x pccs3

banner1pope2

mediaprojects 

contributi