Chiesa e Comunicazione

santa-croce

 vatican-va-ok

editrice-vatic

radio-vaticana

cei

Martedì, 12 Marzo 2013 17:13

Conclave: le attese della piazza e le voci dei giornalisti accreditati

Conclave: le attese della piazza e le voci dei giornalisti accreditati

(Radio Vaticana) - Ieri, alla vigilia dell'apertura del Conclave, Fausta Speranza ha raccolto voci e opinioni tra la gente e tra i giornalisti arrivati da tutto il mondo: RealAudioMP3 

In Piazza San Pietro, oggi non ci sono gruppi organizzati: è un giorno speciale di vigilia dell'apertura del Conclave, attraversato però da persone di passaggio. In ogni caso, in tanti hanno un pensiero in attesa del nuovo Papa: 

R. - Io penso che il Papa debba essere forte, ma anche un amico.

R. – Io penso che debba dare una risposta forte.

R. – Mi aspetto tranquillità e serenità, che trasmetta soprattutto ai ragazzi e ai giovani serenità e fiducia nel fare.

D. - La preghiera che ha nel cuore in questi giorni?

R. – Che il Signore illumini i cardinali e che i cardinali si lascino illuminare. Solo questo. Siamo anche noi nell'obbedienza.

D. – C'è un turista che innanzitutto vuole dirci che cosa si aspetta in questi giorni dai giornalisti:

R. - I giornalisti cercano gli scandali, i problemi... Si deve parlare di tutto questo ma non solo. Ci sono tante cose che sono importanti per il futuro della Chiesa e sono più importanti degli scandali.

Arriviamo, dunque, nel Centro media allestito a ridosso dell'Aula Paolo VI. Ci dicono:

R. - Secondo me funziona. La cosa importante per me è che qui c'è l'ospitalità, è molto accogliente. Tutti gli stranieri che vengono hanno un'aula dove stare, riposare, dove pensare, mandare e-mail, lavorare. Io ho lavorato in diversi posti, dove uno deve aspettare sotto la pioggia, non c'è nessuno, non si può neanche avere un caffè... Quindi, secondo me, il Vaticano sta facendo un bel lavoro.

Parliamo con colleghi stranieri proprio di copertura mediatica:

R. - A priori, noi giornalisti amiamo i conflitti. Io in questi giorni ho pensato di fare un articolo sull'aspetto della carità della Chiesa cattolica – solo uno degli aspetti che ci saranno da raccontare – però ho paura onestamente che non lo prendano quel pezzo. "Vendono" di più i litigi, le guerre: il fronte romano contro i riformisti stranieri o cose simili...

R. - Per me, è molto interessante che in generale la Chiesa cattolica non sembri considerata in ambito politico, eppure abbiamo qui cinquemila giornalisti per un Conclave. Perché? Perché c'è un senso, un senso comune che sente la Chiesa cattolica e che rimane una grande cosa. C'è una consapevolezza quasi istintuale che la Chiesa cattolica faccia una parte essenziale nella nostra civilizzazione, anche oggi.

Emerge la sfida di sempre: raccontare la Chiesa non solo come istituzione, ma come popolo di Dio.





Progetti di PCCS

intermirifica-x-pccsglobe 500 en

50intermirifca

discorsi

 news-va avatar x pccs3

banner1pope2

mediaprojects 

contributi