Chiesa e Comunicazione

santa-croce

 vatican-va-ok

editrice-vatic

radio-vaticana

cei

Venerdì, 18 Gennaio 2013 11:42

Le Radio cristiane in Europa

Le Radio cristiane in Europa

Città del Vaticano (RV) - E' lecito chiedersi se le radio cristiane abbiano ancora un posto oggi in Europa, nel vortice mediatico provocato dallo straordinario sviluppo dei social network e di Internet? Senz'alcun dubbio, molti membri della Cerc dovrebbero porsi la domanda ogni tanto. Fondata nel 1994, in tutt'altro contesto, la Conferenza Europea delle Radio Cristiane organizza la sua giornata annuale il prossimo 24 gennaio, festa liturgica di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.

In un paese come la Francia, le radio cristiane devono avere ogni tanto il sentimento di avere perso la loro autorità in un sistema di circolazione permanente delle idee. Qui i sondaggi annunciano regolarmente, con l'appoggio di dati, una scristianizzazione che appare inesorabile. I credenti, che si sentono emarginati e ignorati, trovano più conforto su altre piattaforme, scelte con cura, dove solidarizzare o scambiare idee con chi la pensa come loro.

Certo, l'obiettivo principale di tali radio non è di piacere ma di portare uno sguardo cristiano e lucido sulla vita degli uomini. Ma come affermare la propria specificità e sforzarsi di essere un vettore di evangelizzazione in un universo ultra-concorrenziale che dà l'illusione a tutti di accedere alle stesse conoscenze, con la promessa di "un mondo più aperto e interconnesso grazie al potere della condivisione"? Non è semplice in questo paesaggio modificato di preservare la propria coerenza e identità.

Eppure, più che mai, la libertà di parola, il coraggio di andare contro-corrente, di tenere un discorso diverso, costituisce pienamente un contro-potere necessario nelle società europee sempre più conformiste, dove il pensiero unico, la dittatura della maggioranza e il "politicamente" corretto fanno da padrone. Il pubblico avrà sempre bisogno di un'informazione filtrata, chiarificata e ponderata, soprattutto quando questa informazione è troppo abbondante ed istantanea, come oggi. E i cristiani sanno, forse più degli altri, che le parole possono avere una potenza formidabile, che possono uccidere o dare la vita.

In questa giungla intricata, dove le frontiere svaniscono, i media cristiani sono chiamati a fare da bussola, aiutando a decifrare le informazioni che arrivano da ogni parte e rimettendole nel loro contesto, in breve svegliando le coscienze. Rimane il fatto però che per sopravvivere ed esistere nel concerto della comunicazione, è necessario oggi, anche per i cristiani, investire nei nuovi territori e resistere alla tentazione di chiudersi in un ghetto identitario. In Europa, come altrove, le radio cristiane hanno ancora strada da percorrere per colmare il loro deficit di notorietà e di professionalità.

Romilda Ferrauto, Responsabile della Sezione di Lingua Francese della Radio Vaticana





Progetti di PCCS

intermirifica-x-pccsglobe 500 en

50intermirifca

discorsi

 news-va avatar x pccs3

banner1pope2

mediaprojects 

contributi